Documenti scritti del Mediterraneo, dall’XI al XV secolo

La storia dei mari nel Medioevo è soprattutto la storia di coloro che li solcano. Non è così nota.  Il 18 e 19 maggio 2023, una dozzina di ricercatori italiani, belgi, francesi e spagnoli si sono incontrati alla Sapienza e poi all’École Française di Roma per affrontare la questione con una nuova prospettiva, quella proposta dal gruppo di ricerca DiploMA -Diplomatics in Mediterranean Area. Antonio Musarra, professore associato alla Sapienza, ha organizzato queste due mezze giornate di lavoro intorno a temi storici.

La questione delle scritture associate al mare non è mai stata posta in modo ampio, dal punto di vista della storia delle pratiche di scrittura.  Alcuni fascicoli diplomatici sono stati trattati in modo molto bello, come nel recente congresso della Commissione Internazionale di Diplomazia del 2015 dedicato ai documenti del commercio e dei mercanti[1]. Ma un approccio storico alla scritturalità del mare non è mai stato scritto: esistono scritture del mare? Sono precoci? Sono specifiche? Nascono con il mondo della scrittura ordinaria?  Prima di affrontare questi spazi sconosciuti della storia del mare, è necessario uno stato di conoscenza. Questo workshop lo ha reso possibile.

Besançon, BM, ms 0550, fo. 32v – http://initiale.irht.cnrs.fr/decor/41709

Per tracciare un rapido quadro delle tipologie di documenti e della loro ricchezza, è stato necessario proporre delle linee di prospettiva. Tra le linee di indagine, i ricercatori si sono concentrati sullo studio delle navi e dei loro equipaggi, delle rotte commerciali, dei porti e del diritto marittimo, del commercio, delle assicurazioni e della guerra in mare, con particolare attenzione alla documentazione conservata e interessante. Altri ricercatori si sono interessati agli scritti sul mare ma visti da terra, da una prospettiva intellettuale o politica piuttosto che pragmatica, con manoscritti di “miscellanea” nautica veneziana del tardo Medioevo (Piero Falchetta) o portolani (Ramon Pujades i Bataller). Questo primo approccio ha dato i suoi frutti.

Se la storia marittima medievale è ancora scritta a metà, in secondo piano e in filigrana rispetto alla storia delle terre medievali, essa è in gran parte tracciata dalle fonti pubblicate dal dopoguerra a oggi. Ma non ha ancora compiuto la sua “svolta manoscritta”, non è tornata ai manoscritti in sé, agli archivi per sé. I libri di cantiere o di bordo, gli inventari o i registri di tesoreria presentati da Pinuccia Simbula non sono stati veramente studiati in sé. Il famoso liber Gazarie, concepito a Genova nei primi decenni del XIV secolo per consentire l’organizzazione navale e giuridica degli insediamenti genovesi in Crimea e nel Mar Nero, non è ancora stato oggetto dello studio tecnico e codicologico che merita. Lo stesso vale per i registri navali catalani della metà del XIII secolo. O per i registri delle galee genovesi (1350-1460), come ricordato da Simone Lombardo. 

Molti di questi documenti di gestione marittima sono andati perduti: un’analisi approfondita dei pochi relitti rimasti di questa dinamica di scrittura navale e marittima è necessaria per capire meglio chi ha prodotto questi documenti, come, per quali scopi, come sono stati utilizzati, come sono stati rinnovati e come sono stati sostituiti. Ma anche per determinare il loro valore, il loro peso giuridico, il loro status di autorevolezza.  Chi ha tenuto il Galearum Marinariorum introitus/exitus del 1350/1461, i libri contabili dei cantieri navali? Valentina Ruzzin ha mostrato magnificamente l’importanza dei documenti legali, sia legati e integrati agli statuti comunali, sia più indipendenti: i ruoli di Oleron, il constitutum usus di Pisa del 1160, la tabula de Amalpha, del XIII secolo, o gli statuta veneziani del 1242, o ancora per Barcellona il libro del consolato del mare del 1370 circa. Tra documenti a scopo normativo e documenti di “pratica” giuridica ed economica, sembra che una serie di scritture specifiche siano state istituite e mantenute da tecnici della parola scritta e del diritto.  Accanto a questa produzione scritta “interna” delle istituzioni e dei funzionari marittimi, un certo numero di pratiche contrattuali passa ovviamente attraverso il canale notarile, come ha dimostrato, tra gli altri, Cédric Quertier. Sarebbe interessante elaborare una tipologia di questi contratti di commercio o di navigazione, di assicurazione o di noleggio di imbarcazioni, talvolta molto precoci (già nel XII secolo). Si tratta di notai specializzati? Qual era la loro formazione? Si occupavano esclusivamente di affari marittimi? Erano legati alla città o alla corona? Accompagnavano i marinai nelle spedizioni? Abbiamo davvero a che fare con una produzione scritta di diritto “privato” e non con una produzione scritta di diritto “pubblico” (delle città e dei regni) come pensa la storiografia tradizionale? Questo non è così certo.

Se le società medievali “terrestri” erano ben supportate dalla scrittura del XII e soprattutto del XIII secolo, una dinamica simile può essere osservata nel mondo del mare. Tuttavia, non è ancora sufficientemente compresa. Tuttavia, la massa di documenti che ci permettono di studiarla è impressionante, sia per l’Aragona, la Castiglia, la Catalogna… sia per Genova, Venezia… (Raul Gonzalez Arévalo e Victoria-Alba Burguera i Puigserver). Sebbene questi archivi siano abbondanti, si limitano principalmente a due grandi aree specializzate nella navigazione: quelle della Penisola Iberica e della Penisola Italiana. Ma sorgono delle domande, vista l’enorme quantità di materiale scritto che è giunto fino a noi: perché è così tardi? Perché non sono stati oggetto di importanti procedure di conservazione prima della metà del XIV secolo, mentre la maggior parte delle grandi amministrazioni territoriali ha avviato processi archivistici a partire dalla fine del XIII secolo, o addirittura prima nel caso del mondo papale? È valida questa osservazione? E se sì, come si spiega? Significa che le istituzioni del mare non sono organizzate e forti come quelle della terraferma? È dovuto al fatto che il diritto del mare non è così consolidato come il diritto degli Stati – un problema che è stato sollevato e che dovrebbe essere rivisto? È un diritto consuetudinario o un diritto in fase di negoziazione (Antonella Ghignoli, Valentina Ruzzin)?

La storia della guerra in mare, delineata da Victoria-Alba Burguera i Puigserver, permette tutte le domande: le istituzioni dedicate alla guerra in mare non sembrano esistere nel Medioevo (tranne forse a Venezia?). Questo significa che non esisteva un’amministrazione specifica della guerra per iscritto? Sembra improbabile. Le navi dedicate alla guerra di corsa dalla corona aragonese ospitavano forse degli impiegati di scrittura che si occupavano di vari compiti? Così come tecnici della scrittura sembrano essere presenti nelle navi commerciali. Ma chi erano questi uomini? È possibile determinarne il profilo, sia attraverso studi prosopografici sia attraverso l’analisi della loro produzione documentaria? C’è spazio per uno studio della scrittura in mare.

Così come sarebbe affascinante studiare la scrittura per il mare, per i marinai e le compagnie, tenuta a terra: contabilità, assicurazioni, conflitti e loro risoluzione, reclutamento e pagamento dei marinai, ecc. Infine, la scrittura sul mare è oggetto di nuovi studi, come hanno dimostrato Piero Falchetta e Ramon Pujades i Bataller: manoscritti destinati a dare valore sociale e politico ai marittimi e ai funzionari, evidenziandone le conoscenze, le competenze, il sapere e il potere. Scrivere di mare sarebbe quindi vissuto come una dimostrazione di abilità e potere.

Il Mediterraneo è quindi un nuovo spazio per la scrittura nel Medioevo. Il seminario di Roma ha mostrato tutte le ricchezze di questo archivio appena aperto. È ora necessario ampliare il saggio e rispondere a tutte queste affascinanti domande e porne mille altre. Ma anche aprirsi alle altre culture della navigazione: quella greca (“bizantina”), quella islamica (nel senso molto ampio del termine) e quella ebraica, ma anche le culture dell’Europa settentrionale e orientale che pure avevano navi nel Mediterraneo, come i navigatori delle Fiandre, quelli dell’Inghilterra, del Baltico, della Dalmatia… senza dimenticare la questione dei navigatori africani o asiatici. Sembra che molte tavole galleggiassero sul Mediterraneo a partire dal XIII secolo, più di quanto pensasse Ibn Khaldun. Molte riflessioni sugli scambi culturali dipendono da questa ricerca da condurre intorno alla parola scritta sul Mediterraneo.


[1] Mantegna Cristina et Poncet Olivier, Les documents du commerce et des marchands entre Moyen Âge et époque moderne (XIIe- XVIIe siècle), Roma, 2018 (Collection de l’École Française de Rome, 550).


OpenEdition vous propose de citer ce billet de la manière suivante :
Paul Bertrand (22 mai 2023). Documenti scritti del Mediterraneo, dall’XI al XV secolo. DiploMA - Diplomatics in Mediterranean Area. Consulté le 13 juillet 2024 à l’adresse https://diploma.hypotheses.org/152


Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search